A Stupinigi la nascita della Fiat 500

A Stupinigi la nascita della Fiat 500

Era il 18 Ottobre del 1955 quando FIAT decise a Stupinigi la nascita della 500: se da un lato è stata la data del 4 Luglio quella canonicamente celebrata, perché associata alle ragioni commerciali, dall’altro è la data del 18 Ottobre quella realmente nativa.

La produzione della Fiat 500 venne decisa presso la Palazzina dove da Lunedì 9 Ottobre viene inaugurata la dedicata “457 Stupinigi Experience“, celebrando i temi emersi nel 2017 con l’esposizione di tre vetture specifiche al fianco di una pre-serie del Giugno 1957 scelta a simbolo permanente del progetto: la nuova versione “Anniversario”, una Fiat 500 F identica a quella ritirata dal MoMa di New York e  la Giannini 350 GP, la derivata stradale più potente e raffinata di sempre.

L’inaugurazione è passata attraverso una sessione video-fotografica che ha celebrato i temi nati nel 2017 attorno a FIAT 500, onorando così quella che fu la sua sede nativa, con l’esposizione di tre vetture specifiche al fianco di una pre-serie del Giugno 1957, scelta a simbolo permanente del progetto 457.

Nel corso del 2017 si sono celebrati i 60 anni della FIAT 500, con il lancio della versione speciale “Anniversario” ed una vettura di tale serie è stata esposta nei giardini della Palazzina di Stupinigi.

Il compleanno della piccola auto italiana è peraltro stato accompagnato dall’ingresso di una 500 tipo F degli anni ’60 nella collezione permanente del MoMa di New York: a Stupinigi si è rimarcato questo evento esponendo altresì una vettura identica a quella ritirata dal MoMa.

Un mito mondiale, che deve il suo successo a tantissime motivazioni, fra cui il fatto che nel tempo la Fiat 500 ha dimostrato una grande versatilità ed è stata anche spunto per la realizzazione di numerose varianti derivate, che hanno contribuito a renderla sempre più amata

 








Gli ultimi articoli pubblicati su Fiat 500 nel mondo








Potete condividere con ....Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *